Come operiamo

Programma Pluriennale di Attività
Il programma pluriennale di attività reca gli indirizzi cui il Consiglio di amministrazione si attiene nella predisposizione dei piani esecutivi annuali della Fondazione (cioè dei documenti programmatici previsionali annuali). Nell'ambito del programma pluriennale di attività vengono perciò individuate le strategie generali, gli obiettivi da perseguire, le priorità e i programmi di attività nel triennio considerato, e vengono ripartite le risorse fra i diversi settori di intervento. Il Programma pluriennale di attività viene aggiornato in relazione al triennio di riferimento entro il mese di luglio di ogni anno.
 
Documento Programmatico Previsionale
Compito dei Documenti Programmatici Previsionali è quello di delineare il programma di attività della Fondazione per l'anno a seguire, venendo così a porsi come lo strumento principe della sua operatività istituzionale. Tale strumento dà infatti attuazione alle strategie generali ed alle priorità individuati nei programmi pluriennali di attività. Il Documento Programmatico Previsionale del 2015, in particolare, dà corso agli obbiettivi che la Fondazione si è prefissa nel Programma Pluriennale di Attività 2015-2017.

Partecipazioni

Settori d'intervento

La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, orientando la propria attività sussidiaria ai seguenti.
 
Settori rilevanti:
- Arte, attività e beni culturali;
- Ricerca scientifica e tecnologica;
- Sviluppo locale ed edilizia popolare locale;
- Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa;
- Volontariato, filantropia e beneficenza.
 
Settori ammessi:
- Educazione, istruzione e formazione;
- Protezione e qualità ambientale;
- Assistenza agli anziani;
- Attività sportiva.

Modalità di erogazione

ISTRUZIONI OPERATIVE PER L’ATTIVITA’ EROGATIVA

In ottemperanza al Regolamento dell’attività istituzionale il Consiglio di amministrazione ha predisposto un apposito documento finalizzato a precisare meglio gli aspetti di maggior dettaglio concernenti l’attività erogativa della Fondazione (es. modalità di presentazione delle richieste, rendicontazione delle spese, monitoraggio e valutazione dei risultati…).

Istruzioni operative per l'attività erogativa

 



COME ACCEDERE ALLE EROGAZIONI

Quali enti possono beneficiare delle erogazioni?

Organizzazioni ed enti, pubblici e privati, senza fini di lucro aventi natura di ente non commerciale, nonché le imprese strumentali – come definite dall’art. 1, comma 1, lett. h), del d.lgs. n. 153 del 1999 – e le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381 e successive modificazioni.

Tali soggetti devono preferibilmente avere sede nel territorio storico d’intervento della Fondazione, rappresentato dai Comuni di Forlì, Forlimpopoli, Bertinoro, Meldola, Santa Sofia, Civitella di Romagna, Galeata, Bagno di Romagna, Verghereto, Predappio, Premilcuore, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovadola, Rocca San Casciano, Portico e San Benedetto, Modigliana, Tredozio.

Tali enti, se privati:

  • devono essere organizzati e formalmente costituiti per atto pubblico, per scrittura privata autenticata o registrata;
  • devono essere legalmente costituiti da almeno 2 anni e dimostrare di operare stabilmente nel settore cui è rivolta l’erogazione, al fine di garantire la realizzazione e sostenibilità del progetto.

Sono esclusi:

  • partiti e movimenti politici, organizzazioni a fini elettorali e patronati;
  • associazioni sportive di natura professionistica;
  • persone fisiche.

 

Quando è possibile presentare richiesta di contributo?

Le richieste devono pervenire telematicamente nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno di ogni anno. Devono inoltre preferibilmente pervenire con almeno due mesi di anticipo rispetto alla data indicata nella modulistica quale data di inizio del progetto/iniziativa, o comunque alla data in cui l’ente necessita di una risposta in merito, in modo da consentire il regolare svolgimento dell’iter istruttorio e fornire un puntuale riscontro degli esiti.

I bandi di volta in volta indetti dalla Fondazione, potranno prevedere tempistiche differenti.

 

Quali progetti possono essere finanziati?

La Fondazione promuove la crescita e la qualità della vita nel territorio storico di intervento individuando specifici ambiti e settori nei quali è possibile presentare richiesta di contributo:

- Arte, attività e beni culturali;
- Ricerca scientifica e tecnologica;
- Sviluppo locale ed edilizia popolare locale;
- Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa;
- Volontariato, filantropia e beneficenza.
- Educazione, istruzione e formazione;
- Protezione e qualità ambientale;
- Assistenza agli anziani;
- Attività sportiva.

Le richieste di contributo devono inoltre essere coerenti rispetto alle priorità individuate dalla Fondazione nei propri documenti di programmazione: Programma pluriennale di attività e Documento programmatico previsionale annuale.

 

Con quali criteri vengono esaminate le richieste?

I progetti e le iniziative vengono sottoposti alle valutazioni di merito degli organi competenti che valutano, in particolare:

  • la congruità dei progetti rispetto ai documenti di programmazione della Fondazione;
  • la capacità di lettura del bisogno cui il progetto intende fare fronte e l’adeguatezza della soluzione proposta;
  • la sostenibilità economica e la fattibilità, anche finanziaria, dell’iniziativa;
  • i profili innovativi dell’iniziativa o del progetto e della sua capacità di perseguire i fini dell’erogazione;
  • le caratteristiche del richiedente in termini di esperienza maturata nel settore o nella realizzazione di iniziative analoghe, di capacità di gestire professionalmente l’attività proposta e di reputazione;
  • la capacità di mobilitare altre risorse (co-finanziamento);
  • il localismo, inteso come finalizzazione dell’intervento rispetto alla comunità forlivese dalla quale la Fondazione è nata;
  • la previsione di un programma di auto-valutazione sulla realizzazione del progetto nelle diverse fasi, attraverso parametri oggettivi.

Oltre i suddetti criteri generali, la Fondazione potrà, nei singoli bandi, specificare ulteriori criteri in relazione alle peculiari caratteristiche dei progetti e degli interventi.

 

Attraverso quali canali è possibile accedere ai contributi?

La Fondazione ha due canali principali per la raccolta delle richieste di contributo avanzate dagli enti del territorio:

  • i bandi, finalizzati a indirizzare tutte le iniziative analoghe in un determinato ambito allo scopo di consentire una migliore valutazione delle stesse e una più efficiente razionalizzazione delle risorse della Fondazione;
  • le richieste aperte, per tutte le altre iniziative e progetti che non rientrano negli ambiti previsti dai bandi.

Documento Programmatico Previsionale

Compito dei Documenti Programmatici Previsionali è quello di delineare il programma di attività della Fondazione per l'anno a seguire, venendo così a porsi come lo strumento principe della sua operatività istituzionale. Tale strumento dà infatti attuazione alle strategie generali ed alle priorità individuati nei piani pluriennali di attività. Il Documento Programmatico Previsionale del 2015, in particolare, dà corso agli obbiettivi che la Fondazione si è prefissa nel Piano Pluriennale di Attività 2015-2017.

 


DPP 2017

 


DPP 2016


DPP 2015


DPP 2014

Piano Pluriennale di Attività

Il piano pluriennale di attività reca gli indirizzi cui il Consiglio di amministrazione si attiene nella predisposizione dei piani esecutivi annuali della Fondazione (cioè dei documenti programmatici previsionali annuali). Nell'ambito del piano pluriennale di attività vengono perciò individuate le strategie generali, gli obiettivi da perseguire, le priorità e i programmi di attività nel triennio considerato, e vengono ripartite le risorse fra i diversi settori di intervento. L'ultimo piano pluriennale approvato dalla Fondazione fa riferimento al triennio 2015-2017.


 


PPA 2015-2017


PPA 2012-2014

 

Come chiedere un contributo
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Privacy

 

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK